Casematte del Bock, Lussemburgo sotterranea

di
Casematte del Bock, Lussemburgo © Andrea Lessona

Casematte del Bock, Lussemburgo © Andrea Lessona

Dedalo di roccia incisa nel promontorio che domina la città, le casematte del Block sono il cuore sotterraneo di Lussemburgo: un mondo scavato nelle viscere della terra per proteggere la vecchia roccaforte del conte Sigfrido e renderla inespugnabile.

Oggi, di quel labirinto armato fatto costruire nel 1745 sulle varie fortificazioni, restano infiniti corridoi: oltre 1100 metri quadrati dalle cui aperture si vede un panorama unico. Per goderne sono entrato dalla porta girevole d’accesso e mi sono trovato nella cripta archeologica della struttura.

Si tratta di una vera e propria anticamera didattica dove ci sono i resti del castello dei primi conti di Lussemburgo e dove sono conservate le vestigia della fortezza. Appena scese le scale, inizia il percorso delle casematte del Bock.

Svoltato a sinistra, mi sono trovato nelle cantine inferiori del torrione: dalla feritoia si vede tutta la valle sottostante. Dopo aver respirato il vento, ho proseguito il mio cammino sotterraneo e sono arrivato nella galleria principale.

Qui ho visto le camere dei cannoni private dei loro armamenti. Sono stati tutti smantellati nel 1867 dopo la neutralizzazione del Lussemburgo e la conseguente demilitarizzazione delle casematte del Bock.

Vecchio cannone muto nelle casematte del Bock, Lussemburgo © Andrea Lessona

Vecchio cannone muto nelle casematte del Bock, Lussemburgo © Andrea Lessona

A guardarle adesso, così spoglie, fredde e umide è difficile pensare che le casematte del Bock in passato potevano ospitare cinquanta bocche da fuoco e una guarnigione di centinai di uomini.

Proseguendo il mio cammino nelle casematte del Bock, sono arrivato all’antica prigione del castello: si trova nella fondamenta della torre. Dalla sua inferriata, si vede molto il ponte della granduchessa Carlotta.

Anche lei come Giuseppe d’Austria, Napoleone il principe Hendrik dei Paesi Bassi e il granduca Henri e la granduchessa Maria Teresa ha visitato questo luogo che nel 1994 l’Unesco ha dichiarato patrimonio dell’Umanità.

Camminando un corridoio stretto sono arrivato al pozzo delle casematte del Bock o: 47 metri verticali da cui l’acqua veniva attinta per dissetare i soldati. Tornando sui miei passi, ho visto le stanze di roccia che hanno ospitato il fedmaresciallo de Bender.

Il militare ottantaduenne visse qui durante l’assedio del 1794-95: la sua “casa” aveva una camera da letto, lo studio e una piccola anticamera. Dalle inferriate lo sguardo abbraccia la vecchia Lussemburgo, antica e bellissima.

Dopo aver superato la galleria per le mine per far saltare una parte delle casematte del Bock, sono entrato nella Batteria del Grund: qui, ieri, gli otto cannoni sparavano alternati tre colpi all’ora. Oggi si mettono in scena opere avanguardiste.

Per finire il giro, anziché prendere la scala a chiocciola e passare sotto la strada, ho preferito uscire sul Ponte del castello: da qui la vista della città è meraviglia che riempie gli occhi in un solo sguardo.

Per approfondire:
Wikipedia

I commenti all'articolo "Casematte del Bock, Lussemburgo sotterranea"

Scrivi il tuo commento tramite

Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...